Marco Barbon

Asmara dream (1 ed.)

with an essay by Ubah Cristina Ali Farah

Fotografia
2009, Hardcover
Bilingual: Italian / English
22x22 cm, 96 pages
ISBN: 9788886795289

€ 25,00
  • Esaurito Esaurito Esaurito
Sinossi

Capitale dell’Eritrea, Asmara è una città che vive sospesa in una sorta di triplice sogno. Il sogno dei coloni italiani che giunsero qui alla fine dell’Ottocento con l’intenzione di costruire una seconda Roma. Il sogno dell’indipendenza dall’Etiopia, diventato realtà da pochi anni. Infine il sogno di chi vuole fuggire a tutti i costi, immaginando un futuro migliore oltre frontiera. Questi tre sogni, intrecciandosi, continuano a tessere il destino di una città dove le tracce del passato e del presente scoloriscono sotto il sole impietoso dell’altopiano.

Allegati
  • Scarica la scheda PDF Scarica la scheda PDF Scarica la scheda PDF
  • Scarica la scheda PDF (EN) Scarica la scheda PDF (EN) Scarica la scheda PDF (EN)

Marco Barbon
(Roma, 1972) Vive in Francia dal 2001. Titolare di un dottorato in Estetica della Fotografia all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi, muove i suoi primi passi nel mondo della fotografia lavorando per cinque anni nello staff dell’agenzia Magnum Photos, dove ha l’occasione di lavorare con fotografi del calibro di Harry Gruyaert, Bruce Davidson e Josef Koudelka. Dal 2005 in poi si consacra ad una ricerca artistica che investe l’immagine fotografica come zona di frontiera tra la realtà e l’immaginario, il documento e la finzione. La natura della fotografia come traccia e la sua capacità di evocare l’invisibile e di dar figura all’assenza costituiscono il filo conduttore dei suoi ultimi lavori. Autore dei libri Asmara Dream (Postcart, 2009; riedizione nel 2016), Cronotopie (Postcart, 2010), Casablanca (Postcart, 2011), Les pas perdus (Poursuite, 2014), Asmara (Be-Pôles, 2014), El Bahr (Filigranes, 2016) e The Interzone (Postcart, 2017), le sue fotografie sono esposte regolarmente in Francia e all’estero e fanno parte di diverse collezioni pubbliche e private. Il lavoro di Marco Barbon è rappresentato dalla Galerie Clémentine de la Feronnière (Parigi) e dalla Galerie 127 (Marrakech).

Recensioni